UN ESERCITO DEL LAVORO

No allo Stato assistenziale che regala bonus o dispensa (inesistenti) redditi di cittadinanza. In tempi di grave crisi economica uno Stato serio può dare, ma in cambio di prestazione d’opera. L’Esercito del lavoro istituisce un Corpo civile volontario che opera al servizio di enti pubblici nei settori della tutela dell’ambiente, del patrimonio artistico, della manutenzione ordinaria delle scuole. E’ aperto a tutti coloro che hanno almeno 18 anni e non stanno lavorando. Durata del servizio: 12 mesi. Paga uguale a quella dei volontari in Ferma prefissata di un anno dell’Esercito Italiano (circa 800 euro al mese), più vitto e alloggio. Riconoscimento del servizio svolto al fine dei concorsi pubblici e convenzioni con Università per crediti formativi. Finanziato con un Fondo di 3,5 miliardi di euro l’anno. Una proposta concreta, utile, attuabile, per giovani e non solo. Un servizio aperto anche a chi si voglia integrare nel nostro paese, accettando il principio fondamentale che nulla è dovuto.