Strade, porti, aeroporti, boschi, dighe, scuole e musei   Insieme agli interventi urgenti nel settore bancario e finanziario, subito dopo il suo insediamento alla Casa Bianca il 4 marzo 1933 Franklin Delano Roosevelt avviò i programmi e la creazione di agenzie federali per rilanciare l’economia e fronteggiare la disoccupazione dilagante attraverso interventi diretti dello Stato che caratterizzarono il New Deal. Nel 1933, i disoccupati registrati erano circa 14 milioni, di cui oltre un terzo al di sotto dei 25 anni. Il primo programma fu il Civilian Conservation Corps (CCC), rivolto principalmente a giovani disoccupati e non sposati tra i 18 e i 25 anni, impegnati in progetti di conservazione del territorio, come piantumazione di alberi, costruzione di barriere contro le inondazioni, lotta agli incendi boschivi e mantenimento di strade forestali e sentieri. I giovani vivevano in campi di lavoro organizzati in modo semi-militare e ricevevano un compenso di 30 dollari al mese, di cui 25 dovevano essere obbligatoriamente spediti ai famigliari, oltre a cibo, cure mediche e assistenza per altre necessità. L’arruolamento in questo corpo militare di pace durava sei mesi ma molti lo rinnovavano alla scadenza. I campi furono istituiti in tutti gli Stati e anche nelle Hawaii, in Alaska, a Porto Rico e nelle Isole Vergini. Le iscrizioni raggiunsero il picco alla fine del 1935, quando ci furono 500.000 uomini dislocati in 2.600 campi operativi. Tra il 1933 e il 1942 il CCC diede lavoro a circa tre milioni di persone, che potevano anche seguire corsi che andavano dall'alfabetizzazione di base alle competenze professionali e ai corsi universitari. Nel 1935 fu creata la Works Progress Administration (WPA), la più grande agenzia federale del New Deal, il cui scopo era dare lavoro ai disoccupati e alle persone che godevano di programmi di assistenza, e che tra il ’35 e il ’43 diede lavoro a circa 8,5 milioni di persone, con compensi che andavano dai 15 ai 90 dollari al mese. Il costo per il governo federale fu di circa 11 miliardi di dollari. Nell’ambito della WPA furono realizzati progetti di costruzione che produssero oltre un milione di chilometri di strade, 125.000 edifici pubblici, 75.000 ponti, 8.000 parchi e 800 aeroporti. Le retribuzioni in prevalenza erano su base oraria e secondo i regolamenti non si poteva lavorare più di 30 ore alla settimana, ma in molti progetti i lavoratori mangiavano e dormivano nei cantieri, visto che era necessaria una loro presenza costante. Nell’ambito della WPA si svilupparono anche progetti che impiegarono migliaia di artisti, scrittori e attori in programmi culturali come la creazione di opere d'arte per edifici pubblici, la documentazione della vita locale e l'organizzazione di teatri comunitari; migliaia di artisti, architetti, operai edili ed educatori trovarono lavoro nei musei americani, che durante il New Deal ebbero un periodo di sviluppo. La WPA sponsorizzò anche la National Youth Administration, che cercò lavoro part-time per i giovani. Va ricordato anche uno dei progetti più ambiziosi del New Deal, approvato nei primi 100 giorni di Roosevelt: la Tennessee Valley Authority (TVA), un’agenzia federale per controllare le inondazioni, migliorare la navigazione, elevare gli standard di vita degli agricoltori e produrre energia elettrica lungo il fiume Tennessee e i suoi affluenti. Si trattava di un progetto riguardante sette Stati attraversati dal fiume, che si tradusse in un massiccio programma di costruzione di dighe, centrali idroelettriche e progetti di controllo delle inondazioni. Da quando è stato completato il sistema di dighe, nessun danno da alluvione si è più verificato lungo il fiume Tennessee, si sono sviluppate strutture portuali, il trasporto merci è decollato. L'elettricità a basso costo fornita dalle nuove dighe ha stimolato lo sviluppo industriale di quella che era stata un'economia regionale cronicamente depressa. Grazie alle acque sequestrate dalle dighe sono stati creati i "Grandi Laghi del Sud", diventati una zona di attrazione per la nautica, la pesca e il tempo libero. Grazie alla TVA è stato anche attuato un forte programma di eradicazione delle zanzare, eliminando la malaria endemica che affliggeva il corso del fiume e sono state migliorate le pratiche forestali e di conservazione del territorio nella regione. Ma gli interventi federali e statali del New Deal rooseveltiano per il lavoro e la ripresa economica statunitense furono anche molti altri, che vedremo nei prossimi articoli.   I precedenti articoli sul New Deal sono stati pubblicati il 3 dicembre e il 4 dicembre 2018....

  Lavoro nero Abusivismo edilizio Discariche abusive Reati Amministrativi Evasione Fiscale   Parrebbe che la "Famiglia" Di Maio sia l'archetipo prototipo del saccheggio generalizzato che caratterizza la borghesia arricchita di un territorio. Nella provincia di Napoli il 72% delle case non ha una licenza di costruzione e in Campania si lavora senza contributi o assicurazione sul lavoro in una misura prossima al 50% delle ore lavorate. Il 23% dei reati ambientali nazionali è concentrato nelle provincie di Napoli e Caserta, mentre il comune record per domande di pensione d'invalidità (il 32% della popolazione) è proprio Pomigliano d'Arco, laddove si erge la residenza 'abusiva' della famiglia Di Maio. Papà di Maio ha un contenzioso di 56.000 euro con il fisco ma ci penserà il prossimo condono fiscale, ad hoc, a sanarlo. Ha costruito 150mq di sopraelevazione della dimora famigliare senza licenza edilizia. Ha abbandonato in un suo fondo del materiale inerte che doveva invece essere conferito in una discarica. Ha dato lavoro "nero" ai suoi operai e solo dopo un infortunio ne ha regolarizzato uno salvo poi licenziarlo 4 mesi dopo. Mamma Di Maio invece amministrava una impresa edile mentre percepiva lo stipendio di insegnante dallo Stato. Il tutto all'insaputa del figliolo che scendeva in politica contro il malaffare brandendo il bastone candido di un Masaniello scatenato. Il sonno della ragione genera mostri Quello della decenza genera guitti (Giulio Galetti)...

di Fabio Ghiberti...

Il Pil scende, la disoccupazione sale, la fiducia evapora. È decrescita, e non è felice...

Scopriamo la faccia nascosta del grande Vaffanculo. E tu chiamala, se vuoi, Reddito di cittadinanza...

Visto che ci stanno ristrettezze e complicazioni, che o’ core ingrato dell’UE’ fa rimandare tutto a giugno, andiamo sodi al punto...