Il Ghana agli afroamericani: tornate a casa

Il Ghana apre le porte ai neri d’America: tornate a casa, qui non c’è razzismo. Il Paese africano da cui partivano le navi con gli schiavi 400 anni dopo lancia un programma che offre incentivi e cittadinanza agli afroamericani

Oltre 70 giornalisti del quotidiano online Index.hu, il sito di notizie più letto dell’Ungheria, si sono dimessi in seguito al licenziamento del direttore Szabolcs Dull, deciso dal gruppo che controlla il giornale e che è molto vicino al premier Viktor Orbán.

Bernard-Henri Levy, incaricato di un reportage da Wall Street Journal visita campo di sterminio a Tarhouna, città dove sono state scoperte fosse comuni scavate da milizie di Haftar. Il governo Serraj non gradisce e islamisti lo contestano: “Cane ebreo”

Un centinaio di migranti in fuga dal Cara di Caltanissetta e inseguiti dai carabinieri.

56 migranti tunisini morti nel naufragio di un peschereccio trasformato in natante di fortuna.  

Confessa il clandestino africano sospettato di aver dato fuoco alla cattedrale di Nantes.

L’Argentina va verso un nuovo default.  

Sette feriti per un’auto sulla folla a Berlino.

È morta a 104 anni Olivia De Havilland, unica attrice di Via col vento ancora in vita.

In Cina i contagi ai massimi da marzo. Altri 55.200 casi negli Usa: rallentamento dopo gli oltre 60.000 casi al giorno per 12 giorni consecutivi.  L’America Latina supera gli Stati Uniti come regione del mondo più colpita. Primo caso sospetto in Corea del Nord.

Secondo Worldometers, 16.430.564 casi di Coronavirus nel mondo, con 652.434 morti e 10.056.249 guariti.   Come casi in testa gli Stati Uniti con 4.371.839 davanti a 2.419.901 del Brasile, 1.437.976 dell’India, 818.120 della Russia, 445.433 del Sudafrica, 390.516 del Messico, 384.797 del Perù, 345.790 del Cile, 319.501della Spagna, 299.426 del Regno  Unito, 291,172 dell’Iran, 274.289 del Pakistan, 266.941 dell’Arabia Saudita, 248.976 della Colombia, 246.118 dell’Italia, 226.100 della Turchia, 223.453 del Bangladesh,  206.741 della Germania, 180.528 della Francia, 162.526 dell’Argentina, 113.911 del Canada,  110.032 dell’Iraq, 109.305 del Qatar, 98.778 dell’Indonesia, 92.062 dell’Egitto, 83.891 della Cina. Come vittime gli Usa con 149.849 precedono il Brasile con 87.052, il Regno Unito con 45.752, il Messico con 43.680, l’Italia con 35.107, l’India con 32.826, la Francia con 30.192, la Spagna con 28.432, il Perù con 18.229, l’Iran con 15.700, la Russia con 13.354.