E’ NATO IL PUSP, LA NUOVA CASSA PER IL MES-SOGIORNO. LO STIPENDIO MEDIO? QUELLO DI ARCURI.

 

 

Pd 5Stelle e camerieri vari hanno rotto gli indugi . Complice il Covid , loro si nazionalizzano le Autostrade, l’Alitalia, l’Ilva , le aziende in crisi alle quali il PUSP (partito unico della spesa pubblica) erogherà quattrini in cambio di qualche poltrona in Cda . Si inizierà prendendo i soldi del MES e si continuerà con lo stile di sempre : dalla Cassa del Mezzogiorno alla Cassa del Messogiorno.

Senza trattarsi troppo male, si intende . Gli stipendi saranno tipo quello di Arcuri , che secondo i magistrati contabili ha incassato nel 2014 uno stipendiuccio di 617mila euro all’anno per fare entrare Invitalia nella storia del Paese . La Corte dei Conti gli contesta che essendo in carica dal 2007 ad oggi, anche negli anni successivi al cambio di normativa avrebbe continuato a prendere più dei 192mila euro previsti come soglia. Arcuri però ha la risposta più pronta di una sua mascherina , più rapida di un suo tampone : “La disciplina relativa ai tetti di trattamento economico non riguarda i contratti come il mio, che risalgono a una data antecedente al 2007”. Lui viene da lontano, insomma. Come il PUSP, come la Cassa del Messogiorno, come questo visionario articolo del 1972.

Giovanni Negri