Il sindaco di Philadelphia: “Via la statua di Cristoforo Colombo”

Sull’onda delle proteste antirazziste, Philadelphia intende chiedere la rimozione della statua di Cristoforo Colombo in città. Lo afferma il sindaco Jim Kenney. “Il 22 luglio chiederemo alla Philadelphia Art Commission l’approvazione per rimuovere la statua da Marconi Plaza”, si legge in una nota di Kenney.

La Camera dei Rappresentanti approva una riforma della polizia intitolata a George Floyd.

il Labour licenzia ministra ombra per un tweet cospirazionista antisemita. Rebecca Long-Bailey era stata candidata alle primarie del partito con l’appoggio di Jeremy Corbyn. A silurarla il nuovo leader Keir Starmer, per aver condiviso sui social un articolo in cui si sostiene che le tattiche usate dalla polizia Usa sono state apprese in seminari con i servizi segreti israeliani.

In 24 ore negli Usa più di 37.000 contagi. Il governo Usa stima che i contagiati potrebbero essere tra i 16 e i 23 milioni. “Abbiamo votato nella Prima guerra mondiale, abbiamo votato nella Seconda guerra mondiale: ora abbiamo un virus che per novembre sarà molto rallentato e dobbiamo votare”. Lo afferma il presidente americano Donald Trump in un’intervista a Fox, durante la quale mette in evidenza che Joe Biden distruggerebbe il Paese.  Trump ribadisce la sua contrarietà al voto per posta.

La catena di ristoranti infantili Usa Chuck E. Cheese si dichiara in bancarotta per via del Covid.

In Brasile oltre al Covid arrivano anche e cavallette a devastare il sud. Polvere del Sahara invece oscura il cielo dei Caraibi e del Messico e si avvicina agli Stati Uniti.

Bolsonaro dice che potrebbe avere avuto il Coronavirus.

Record di contagi in India: 17.000 in 24 ore.

Temendo una ripresa dei contagi, il governo australiano manda l’esercito a Melbourne.

Riapre la Tour Eiffel ma senza ascensori. Bisogna salire a piedi e con la mascherina.

Secondo l’Oms i contagi stanno risalendo in Europa.

A Mondragone, in provincia di Caserta, arriva l’esercito per sedare la tensione tra la popolazione, dopo il focolaio di Covid che si è scoperto tra un gruppo di braccianti bulgari.

3 misure cautelari per appalti truccati al consorzio autostrade siciliane. Coinvolti anche 2 funzionari.

Tornano a salire per la prima volta dal 2015 le domande d’asilo nell’Ue: nel 2019 sono state 740mila, in aumento dell’11% sul 2018. Ma, per la prima volta in cinque anni, l’Italia non è più tra i primi 5 Paesi d’accoglienza. Emerge dal rapporto annuale dell’Agenzia Ue per l’asilo (Easo). Le domande si sono concentrate per oltre la metà in Germania (165.615), Francia (128.940) e Spagna (117.795). Segue a distanza la Grecia, con 77.275 richieste. Quinto il Regno Unito (44.835 domande ricevute), che scalza l’Italia (43.770, -27% rispetto al 2018).

Aperte in Russia fino al primo luglio le urne per il referendum costituzionale che permetterebbe a Putin di ricandidarsi.

In Egitto arrestata la giornalista Nora Younis, direttrice del sito al-Manassa. Rilasciata dopo più di un giorno, è stata multata.

L’opposizione del Nicaragua presenta una nuova Coalizione Nazionale unita per sconfiggere Daniel Ortega.

Il primo ministro kosovaro, Avduallah Hoti, ha cancellato la partecipazione ai colloqui con il presidente serbo Aleksandar Vučić a Washington, a seguito dell’atto di incriminazione per crimini di guerra a carico del presidente Hashim Thaci.

Violenta esplosione alle porte di Teheran. Secondo il governo a saltare in aria è stato un deposito di gas. Poco distante si trovano un sospetto centro di ricerca nucleare e una base militare.

In Pakistan un terzo dei piloti di linea ha un brevetto falso. 

Secondo Worldometers, 9.729.006 casi di Coronavirus nel mondo, con 492.153 morti e 5.263.306 guariti. Come casi in testa gli Stati Uniti con 2.504.676, davanti ai 1.233.147 del Brasile, 620.794 della Russia, 491.741 dell’India, 307.980 del Regno Unito, 294.566 della Spagna, 268.602 del Perù, 259.064 del Cile, 239.706 dell’Italia,  215.096 dell’Iran, 202.951 del Messico, 195.745 del Pakistan, 193.785 della Germania, 193.115 della Turchia, 170.639 dell’Arabia Saudita, 161.348 della Francia, 130.474 del Bangladesh, 118.375 del Sudafrica, 102.622 del Canada, 91.838 del Qatar, 83.462 della Cina, 80.599 della Colombia, 63.890 della Svezia, 61.130 dell’Egitto, 61.007 del Belgio, 60.382 della Bielorussia, 53.156   dell’Ecuador, 52.457 dell’Argentina, 50.187 dell’Indonesia. Come vittime gli Usa con 126.785 precedono il Brasile con 55.054, il Regno Unito con 43.230, l’Italia con 34.678, la Francia con 29.752, la Spagna con 28.330, il Messico con 25.060, l’India con 15.319, l’Iran con 10.130.