INTRINSECAMENTE CLERICALE

Un millennio di Stato Pontificio ha fatto dell’Italia un paese irrimediabilmente, intrinsecamente clericale. Così se il Papa promette che ogni parrocchia Italiana accoglierà una famiglia di migranti e ciò non accade in alcuna parrocchia, nessuno batte ciglio. Se poi il Papa promette che le strutture della Chiesa pagheranno le tasse ma lo Stato continua a perdere miliardi e miliardi di Ici ogni anno per la colossale evasione fiscale di un vero e proprio stato nello stato, nessuno dice una parola.

Ma se il Papa si divincola da un’energumena e le rifila un gesto di stizza, uno scappellotto, apriti cielo anzi si apre Er Dibbbattito.

Siamo così, un popolo di “Io sono io e voi non siete un caz..o”, sopra il quale riconosciamo che possa solo stare uno che “Io sono dio e voi non siete un caz.o”.

Il Papa Re deve essere un sacro mentitore, uno che predica bene e razzola male, naturalmente in nome di Dio e con il dovuto distacco. Guai se non e così: per noi quel che conta è il simbolo, la patacca. Regole? Promesse non mantenute? Coerenza fra pubblica morale e fatti concreti? Cose strane, da protestanti.

Giovanni Negri