FRANCA POLEMICA: I MIEI AMICI EURISTI CHE SANNO TUTTO, IN VERITA’ NON CAPISCONO UN CAZ..O

Sarà che il 20 Novembre 2014 – mi trovavo a Glasgow ed Edimburgo a vendere i miei vini – un taxista mi spiegò che “The problem, you know, is that European Union is not a democracy. It’s impossible to control it”, e sarà che quel giorno mi trovai fra le mani questa prima pagina di giornale. Sta di fatto che, da allora, cominciai a leggere assai diversamente la piega che aveva preso la gloriosa epopea della nostra nuova Grande Patria , la Nazione, il Moloch, il SuperStato che si chiama Unione Europea.

Certo, a distanza di 5 anni, non mi fa piacere (per l’Italia, per il mio Paese) avere avuto ragione io, e torto i tanti amici Euristi – non di rado anche colti e intelligenti – che pure in questi giorni continuano a sciorinare slogan sempre più deboli. E fa davvero specie che davanti ai Fatti, ai Voti, ai Risultati, al trionfo della Brexit tanti di questi amici continuino a balbettare cazzate. Permettetemi allora, cari amici Euristi, qualche domandina.

Ma perchè per consolarvi di una realtà che fa letteralmente a pugni con tutto ciò che avete sostenuto in questi anni sulla Gran Bretagna, continuate a vedere l’albero Scozia o il fuscello Corbyn anzichè la Foresta Brexit? Gli Scozzesi che hanno dato 6, poi 56, poi 48 seggi all’ SNP sono gli identici Scozzesi che cinque anni fa (5, non 50) hanno dato il 55% di No all’Indipendenza. E forse basterebbe frequentarli o leggere un po’ di più per capire una elementare verità: la Scozia vive da sempre in un eterno rapporto contrattuale con Londra. Vuole di più, sempre. In questo caso vuole di più per la sua agricoltura, una sterlina in più di quante glie ne dà l’Unione Europea, alla quale – per il suo rapporto deficit-pil simile alla Grecia – da sola avrebbe enormi difficoltà ad aderire. Vedete: la Catalogna non c’entra un fico secco, perchè la Catalogna è ricca , e a torto o a ragione ritiene di avere pagato lei la stabilità e lo sviluppo della Spagna dopo Franco. La Scozia non ha niente in comune con la Catalogna.

Avete invece presente, grosso modo, il rapporto fra Union Valdotaine di Aosta o SVP di Bolzano e Roma? Ecco: sfilano in pittoresche divise, urlano Indipendenza, prendono il 70% dei voti. Poi cosa effettivamente vogliano lo sappiamo benissimo, così come le casse della Repubblca Italiana, da oltre mezzo secolo, lo sanno benissimo. E quando si va al dunque non passa alcuna vera Indipendenza, va benissimo che ci si fermi ai nuovi contributi. Fin qui la Scozia, e il Corbyn che – esattamente all’opposto di quel che voi sostenete – ha perso voti perchè ambiguo sulla Brexit, ma ambguo nel senso che è troppo antiBrexit, ha blaterato di secondo referendum, e i seggi storici laburisti del Nord Inghilterra – ferocemente proBrexit – turandosi il naso hanno votato BoJo e dato una terribile lezione al Labour.

Ma voi niente: fedeli al Luogo Comune del Nazionalismo Europeo (non ve ne dispiaccia: è la vostra l’unica vera mitologia nazionalista creata nell’ultimo decennio, quella che inneggia alla Grande Patria dell’ Europa Civiltà, al SuperStato nascente ) non riuscite a porvi le quattro banalissime domande che pure un bambino delle elementari, o uno studente di Scienze Politiche al primo anno si porrebbe. Ovvero:

1) Ma davvero un popolo che ha espresso la più antica democrazia del continente europeo poteva essere disposto a cedere la propria sovranità democratica a un Ente a-democratico quale lo strano organo che dirige Bruxelles?

2) Ma davvero la Gran Bretagna poteva essere disposta ad aderire ad un disegno politico-economico a traino e ad esplicita egemonia della Germania?

3) Ma davvero una Gran Bretagna che sogna un ruolo di Global Britain – enorme piazza politico finanziaria fra Asia e America – se ne fa qualcosa di un non-parlamento europeo di un migliaio di membri, che non conta nè decide nulla, e di organismi che passano il tempo a lucidare i Dieci Comandamenti del Pareggio di Bilancio e a pontificare su come deve essere apposto il codice a barre sulle banane Chiquita al supermercato ?

4) Ma davvero un popolo che sentì dire alla Thatcher nel 1990 che “La Germania si ritroverà la sua naturale fobia dell’inflazione, mentre l’euro risulterà fatale per i paesi più poveri perchè devasterà le loro economie inefficienti”, poteva ritenere che questa UE, fatta in questo modo, potesse esserle in qualche modo utile?

Ecco: la risposta è stata NO, quattro volte NO. E voi anzichè chiedervi dove sbaglia una UE nella quale può stare soltanto chi accetta di essere colonia o almeno di essere profondamente subalterno, state lì a passare il tempo con queste ridicole menate su Corbyn e la Scozia. E andate a ingrossare le fila di un esercito sempre più imponente e sempre più perdente: quello di coloro che spesso sanno tutto , e di frequente non capiscono un caz..o .

Giovanni Negri