NO. UN’EUROPA COSI’ NON CI PIACE.

L’Unione Europea tace davanti a una incredibile, vergognosa condanna politica: da 9 a 13 anni di galera per 12 esponenti politici catalani, dieci dei quali rappresentanti istituzionali plebiscitati dai voti degli elettori, per i reati di sedizione o disobbedienza, in relazione ai fatti che portarono al referendum sull’indipendenza della Catalogna nell’ottobre 2017.

Tace l’Europa, perchè è ciò che questa Europa sa fare: tacere. Tacere davanti ai Catalani in galera e tacere davanti ai Curdi aggrediti, tacere davanti alle morti nel Mediterraneo finchè non bussano a casa i disperati e tacere davanti al disastro di Libia, provocato dai francesi e scaricato sui – complici e taciturni – partner.

E’ il silenzio la cifra politica di questa Europa. O la complicità. Complicità di fatto con Putin, trattato ufficialmente come torbido Grande Fratello dei Populisti salvo scoprire che è Merkel la prima alleata di Putin nel progetto bollato dalla Polonia come “il nuovo patto Ribbentrop-Molotov”, il gasdotto NordStream2 che consentirà all’orso russo di mettere non una ma due zampe sul nostro continente. Complicità di fatto con Erdogan, praticata da una UE che ha riempito il sultano turco di miliardi per tenere lontani i rifugiati in fuga dalla Siria e da una Germania che non ha alcun interesse a disturbate il manovratore di un’imprenditoria turca che nella Repubblica federale ha ormai assunto un peso e un ruolo esorbitanti. Complicità di fatto con i banchieri del fallimento targato Deutsche Bank, la banca protagonista di un tracollo che si annuncia peggiore di quello di Lehman Brothers, in barba a qualsiasi mito di inossidabile stabilità tedesca.

No, non ci piace questa Europa che con quella immaginata da Altiero Spinelli ed Ernesto Rossi non ha più visibilmente niente a che fare. No, non ci piace questa Europa che ha una clamorosa responsabilità nel determinare Brexit, che perde Londra per blindarsi a Berlino e a Parigi, che tratta gli Usa come un interlocutore terzo e diverso quasi gli Stati Uniti fossero paragonabili alla Russia e ai mandarini di Pechino. No, non ci piace un’Europa sempre più a guida tedesca, sempre meno atlantica, sempre più cartina geografica dove ogni Alto Adige si riscopre per sempre Sud Tirolo.

No, davvero non ci piace. E lasciamo ben volentieri ai Calenda e alle Bonino che continuano a invocare lo Status Quo di questa Europa, il ruolo di fallimentari difensori di un ordine al tramonto. Quella che occorre, ogni giorno di più, non è questa ma tutta un’altra Europa.