DI MATTEO AL CSM, MANETTE A 5 STELLE

L’ex pm palermitano Nino Di Matteo, attualmente alla Direzione nazionale antimafia, è stato eletto al Consiglio superiore della magistratura, nelle elezioni suppletive seguite alle dimissioni di questa estate dopo lo “scandalo Palamara”. Il Fatto Quotidiano la descrive come una rivincita del magistrato che non si è mai iscritto ad alcuna corrente e che per questo sarebbe stato penalizzato nella sua carriera. Questa volta, però, ce l’ha fatta, pur arrivando secondo dietro Antonio D’Amato, di Magistratura Indipendente, che nella geografia correntizia della magistratura si qualifica come “moderata”.

Di Matteo ce l’ha fatta grazie alla sponsorizzazione di Autonomia e indipendenza, la corrente di Piercamillo Davigo, ma anche grazie al fatto che quella che si qualifica come corrente di sinistra, Area, ha scelto di disperdere i propri voti su cinque candidati, non eleggendone neppure uno, anziché farli confluire su un unico candidato, che sarebbe arrivato primo.

Che quella della magistratura di “sinistra” sia stata ingenuità o errore tattico consapevole, il fatto è che ci voleva l’aria del governo giallorosso per dare nuova forza al populismo giudiziario nell’organo di autogoverno della magistratura. E questo proprio mentre a livello politico si dà fiato al populismo anti-parlamentare con il Pd che si sottomette alla demagogia dei 5Stelle, tagliando deputati e senatori, il cui scalpo può ora essere orgogliosamente esibito nelle piazze da Di Maio e soci.

E così, mentre il ministro della Giustizia grillino Bonafede e il suo predecessore del Pd Orlando registrano le loro sintonie, il giustizialismo gonfia le vele. La corrente di Davigo (“Nessuno viene messo dentro per farlo parlare; viene messo fuori se parla, che è una cosa diversa”, “Non esistono innocenti; esistono solo colpevoli non ancora scoperti”) diventa ago della bilancia del Csm, grazie all’elezione di Nino Di Matteo, l’eroe dalle 40 cittadinanze onorarie che sulla base del teorema della “Trattativa” tra Stato e mafia ha perseguito per anni Mario Mori, il leale servitore dello Stato che catturò Totò Riina.