Evvai Angelino, vai in Europah !

Angelo Maria Sanza, nato a Potenza nel 1941, aderisce alla corrente di Base della Democrazia Cristiana, diventando segretario regionale in Basilicata e poi stretto collaboratore di Ciriaco De Mita.

Diventa deputato nel 1972, a 31 anni, con quasi 40.000 preferenze e siede a Montecitorio nelle legislature VI, VII, VIII, IX, X, XI, XII, XIII, XIV, XV, fino al 2008, vagando tra vari partiti e i collegi elettorali di Basilicata, Puglia a Lazio.

Sottosegretario agli Esteri nei governi Andreotti IV e V, agli Interni nei governi Cossiga II, Forlani, Spadolini I e II e Fanfani V, agli Interventi nel Mezzogiorno nel governo Goria e alla presidenza del Consiglio nel governo De Mita.

Tramontata la DC, aderisce al Partito Popolare Italiano ma dopo due anni segue Rocco Buttiglione nei Cristiano Democratici Uniti (CDU). Tre anni dopo passa nell’Unione Democratica per la Repubblica (UDR) di Francesco Cossiga, che poi diventa Unione per la Repubblica (UPR). Dopo altri tre anni aderisce a Forza Italia, che nel 2008 lascia per passare all’Unione di Centro (UDC). Nel  2013 fa il grande passo e va a fare il vice-presidente del Centro Democratico di Bruno Tabacci, al seguito del quale nel 2018 entra anche nel Consiglio direttivo di +Europa.

Angelino, una vita spesa per l’Europa. Senza Sanza non si può.