Asia Bibi libera ma ancora in Pakistan

Il governo del Pakistan smentisce la notizia che Asia Bibi avrebbe lasciato il Paese.

Un accordo “storico” tra Tsipras e l’arcivescovo Leronymos apre la via alla separazione tra Stato e Chiesa in Grecia.

Bruxelles avverte l’Italia: no all’uso di fondi Ue per il reddito di cittadinanza.

 La Procura d’Aosta ha chiesto il fallimento del Casinò di Saint Vincent.

La leader dei deputati democratici Nancy Pelosi ha lanciato formalmente la sua candidatura per diventare speaker della Camera. 

Trump a un giornalista della Cnn: “lei gestisce la Cnn, io gestisco il paese. Se lei lavora meglio, lavoro meglio anche io”. “Quando tu pubblichi fake news, e la Cnn ne pubblica un sacco, sei un nemico del popolo”.

Trump costringe alle dimissioni il Procuratore Generale Jeff Sessions. Ma promette: “non fermerò l’inchiesta sul Russiagate”.

Il fondatore di Facebook, Mark Zuckerberg, non si presenterà a Londra davanti alla cosiddetta ‘grande commissione internazionale’ per rispondere alle domande dei parlamentari britannici, canadesi e di altri Paesi in tema di ‘fake news’ e disinformazione.

“I soldati alleati del governo dello Yemen stanno conducendo una battaglia all’interno della città di Hodeidah. Il bombardamento dell’artiglieria sta avvenendo pesantemente da tutti i lati e al momento più di 150 persone sono state uccise”. Lo riferisce l’ong Save the Children in una nota, aggiungendo che i bombardamenti hanno colpito anche un ospedale, supportato dalla stessa ong, causando “gravi danni a una delle farmacie che fornisce medicinali salvavita”.

L’assemblea Nazionale del Venezuela – sotto il controllo dell’opposizione anche se di fatto esautorata – vota contro la mediazione di Zapatero, considerandolo schierato con il governo di Maduro.

L’ex-presidente ecuadoriano Rafael Correa rinviato a giudizio per il sequestro dell’oppositore Fernando Balda, avvenuto nel 2012 in Ecuador.