ARRIVA IL CIGNO NERO

Superspread, Panico, Speculazione. Ma per domarlo basterebbe SuperMario 

Sì, è probabile che inizi la stagione del Cigno Nero. Non è un animale cattivo: sinora ha comprato debito pubblico italiano per nutrirsene ma adesso, giustamente, non si fida dei cialtroni del “Reddito di Cittadinanza”. E dire che per tagliare le penne al Cigno Nero e mettere in sicurezza i conti pubblici italiani la ricetta c’è. Mario Baldassarri spiega da un anno come – volendolofare – si possono mettere sul piatto 60 miliardi da taglio agli sprechi della spesa pubblica. Con quei 60 miliardi l’Italia si può pagare due cose preziose: il tempo per disegnare una nuova politica economica dopo 10 anni di depressione, il tempo per rinegoziare vincoli europei che da un decennio inchiodano il continente alla stagnazione e impediscono a qualsiasi governo, di qualsiasi colore, qualsiasi vera politica economica.

(Giovanni Negri)